Fattoria di Felsina Fontalloro 2011

Fattoria di Felsina (Toscana)

49,90€ (Prezzo approssimativo)

Non è possibile comprare Fattoria di Felsina Fontalloro 2011 in questo momento.

Fattoria di Felsina è il produttore di Fattoria di Felsina Fontalloro 2011 , un vino rosso con DO Toscana che contiene uve di 2011. Un vino rosso valutato con 4 punti su 5 secondo gli utenti di Drinks&Co.

Scheda tecnica · Fattoria di Felsina Fontalloro

Tipo Di Vino: Vino rosso
Vintage: 2011 Altre annate
Denominazione:Toscana (Italia)
Cantina: Fattoria di Felsina
Volume: 75cl
Allergeni: Contiene solfiti

Descrizione · Fattoria di Felsina

Fattoria di Felsina Fontalloro 2011

Produttore: Fattoria di Felsina

D.O.: Toscana

Comprare Vino Fattoria di Felsina:

Opinioni

Opinione in evidenza su Fattoria di Felsina Fontalloro 2011

Divine Golosità Toscane

Pubblicato il a 17.32

4/5

Fattoria di Felsina Fontalloro 2011

Domenico Poggiali acquistò la fattoria di Fèlsina nel 1966 e con un atto coraggioso in quel momento difficile della viticoltura italiana scelse di investire sulla qualità del vino e sulla perizia di alcuni giovani.
Appassionati di viticoltura e abili imprenditori, Domenico e il figlio Giuseppe Poggiali modernizzarono la conduzione della campagna senza abbandonare lo spirito della tradizione. Nel volgere di pochi anni gli ettari a vite diventarono più di quaranta e cambiarono anche l'anima e l'organizzazione dell'azienda.
Nella seconda metà degli anni settanta entrò in azienda il genero Giuseppe Mazzocolin, con l'incarico di sviluppare commercialmente l'azienda. La sua cultura umanistica e la consapevolezza della responsabilità dell'uomo nel lavoro contribuirono a far crescere la cultura del vino in Italia e all'estero, ottenendo i primi riconoscimenti internazionali.
L'amicizia con Luigi Veronelli e la collaborazione con l'enologo Franco Bernabei hanno tracciato un cammino che si rivela con estrema coerenza nei vini a partire dall'annata 1983, la prima del Fontalloro e di Rancia, fino ai giorni nostri. Sotto la guida di Domenico e Giuseppe Poggiali, cominciò un percorso che dal 1990 vede come protagonista anche Giovanni Poggiali, primo dei tre figli di Giuseppe.
Appena si mette piede in questa campagna si percepisce l'abbraccio ospitale della terra accompagnato alla responsabilità morale verso il territorio. Terra di Etruschi, suoi fondatori, che vi introdussero la vite e l'olivo, terra di Romani, che trovavano asilo e compagnia nella sua stazione di posta, terra di pellegrini in cammino sulla via Francigena. Tappa o meta, oggi come allora, Fèlsina offre ai suoi ospiti pace e ristoro.
Un tempo fattoria dei Granduchi di Toscana, Fèlsina era un luogo di olivicoltura con pochi ettari destinati alla viticoltura. La cantina originale era molto piccola ma ai primi del '900 si occupava già di imbottigliamento, sotto la nobile famiglia fiorentina dei Busatti che conferì l'attuale aspetto settecentesco alla Villa, alla Chiesa e agli altri edifici della corte.
Qui lo sguardo può correre liberamente tra le colline fino al monte Amiata, imponente e maestoso sopra l'orizzonte, e spaziare in direzione di Montalcino e della Maremma, fino al mare. Qui, in un momento straordinario per la storia d'Italia, si è realizzato il sogno di una città ideale: Siena.


SANGIOVESE


Fèlsina è varietà di clima, di paesaggio, di terreni. I suoi diversi vigneti sono caratterizzati da suoli e microclimi diversi, unici nella loro particolarità. Da questa straordinaria varietà nasce il Sangiovese di Fèlsina, o Sangioveto, parola toscana che ne identifica l'origine.
Un insieme di varianti terreni e cloni che costituiscono un bene prezioso da tramandare alle future generazioni. Per questo, dal 1983, abbiamo lavorato, insieme all'enologo Franco Bernabei, su selezioni massali che ci hanno permesso di consevare un patrimonio importante di differenti Sangiovese cresciuti cru a Fèlsina, attraverso una lunga esperienza di lavoro e sperimentazione, perché il connubio vitigno-terra è un elemento imprescindibile della storia e del futuro di Fèlsina.
Dal 1993 poi Giovanni Poggiali segue il reimpianto e l'impianto di nuovi vigneti dando profondità maggiore alla ricerca su questo vitigno nella accresciuta convinzione della famiglia e dei suoi collaboratori che terroir è si un fatto geologico, ma ancor di più una questione sociale.
In questo senso la salvaguardia e la valorizzazione del Sangiovese è la costante di un lavoro che dà senso alla parola tradizione. Una consuetudine di gesti e di esperienze che i contadini più anziani hanno potuto rinnovare nell'incontro con la viticoltura moderna e autorevolmente tramandare ai più giovani.
Questo contesto agricolo-culturale giustifica la scelta di vinificare il Sangiovese in purezza, scelta non solamente ideologica, ma consapevolezza maturata attraverso una lunga esperienza di lavoro e di sperimentazione, in cui il connubio vitigno-terra è un elemento imprescindibile.


TERRENI


Posizionata tra le ultime propaggini dei monti del Chianti e la parte iniziale della valle dell'Ombrone, Fèlsina si sviluppa su un'estensione di circa 600 Ha di cui 95 consacrati a vigna. Da un punto di vista geologico, Fèlsina si presenta come terra di frontiera tra Chianti Classico e Crete Senesi, in direzione di Montalcino.
Di natura calcareo-petrosa con predominanza di marna lamellare tipica del Chianti, oppure formati da arenarie stratiformi con pillola alluvionale e argilla, mescolate a sedimenti marini ricchi di minerali, i terreni imprimono caratteristiche unitarie e specifiche ai vini di Fèlsina, le cui sfumature sono figlie delle singolarità e dei movimenti del territorio.
Frutto di un connubio unico tra terra e vitigno, cultura e fatica delle mani, scienza enologica e sapienza del cantiniere, i vitigni di Fèlsina esprimono la particolarità del terroir, dei paesaggi, dei profumi, dei suoni di quest'angolo della Toscana, facendone rivivere la storia e la tradizione.

Riassunto di punteggi

(1 opinioni)
  • 5 stella
    0
  • 4 stella
    1
  • 3 stella
    0
  • 2 stella
    0
  • 1 stelle
    0
La tua valutazione:
Punteggio Drinks&Co:

4/5

Sulla base 1 commenti »

Opinioni di altre annate

Opinioni su Fattoria di Felsina Fontalloro 1998

Lenard Fazio
Lenard Fazio

4/5

L'abbiamo bevuto con degli spiedini. L'ho bevuto con i miei amici a casa.
Rubino con contorni mattone. All'olfatto si nota la frutta secca. Predomina la frutta rossa.

Opinioni su Fattoria di Felsina Fontalloro 1990

Laura Tolentino
Laura Tolentino

4/5

Ideale per serate romantiche.
Rosso con punte di marrone. Aroma di lampone. Aveva un difetto perchè sapeva di sughero.
Il meglio del pranzo.

Più venduti Toscana