Tendenze:

Orvieto

Castello Della Sala Antinori San Giovanni Della Sala Classico Superiore Castello Della Sala 2018

75cl Volume

16,60€ (Prezzo approssimativo)

Scheda tecnica

Tipo Di Vino: Vino bianco
Vintage: 2018
Denominazione:Orvieto (Umbria, Italia)
Cantina: Castello della Sala Antinori
Volume: 75cl
Allergeni: Contiene solfiti
Castello Della Sala Antinori San Giovanni Della Sala Classico Superiore Castello Della Sala 2018 , elaborato por Castello della Sala Antinori, è un vino bianco della DO Orvieto a base di uve di 2018. Secondo gli utenti di Drinks&Co,è un bianco che merita una valutazione di 4 punti su 5.

Elaborazione di Castello Della Sala Antinori San Giovanni Della Sala Classico Superiore Castello Della Sala 2018

Castello Della Sala Antinori San Giovanni Della Sala Classico Superiore Castello Della Sala 2018

Produttore: Castello della Sala Antinori

D.O.: Orvieto

Vedi altro

Opinioni su Castello Della Sala Antinori San Giovanni Della Sala Classico Superiore Castello Della Sala 2018

4

1 opinioni dei clienti
  • 5
    0
  • 4
    1
  • 3
    0
  • 2
    0
  • 1
    0
La tua valutazione di Castello Della Sala Antinori San Giovanni Della Sala Classico Superiore Castello Della Sala 2018:Dai una valutazione a Castello Della Sala Antinori San Giovanni Della Sala Classico Superiore Castello Della Sala 2018:

4 /5

Tipo: bianco - fermo
Gradazione alcolica: 12,5%
Uve: 50% Grechetto, 25% Procanico (Trebbiano Toscano) 25% Pinot Bianco, Viognier
Denominazione: DOC Orvieto Classico Superiore
Regione: Umbria
Contenuto: 75,0 cl
Produttore: Castello della Sala (Antinori)

Vinificazione:
La resa per ettaro dei vigneti (di circa 70 q) è particolarmente bassa dovuta alla selezione dei grappoli. Le uve raccolte ad un grado di maturazione zuccherina leggermente superiore alla media, sono state tempestivamente trasportate in cantina e le diverse varietà vinificate separatamente. Al fine di conferire buon estratto e aroma al vino, una parte delle uve è stata vinificata adottando la tecnica della macerazione a freddo, il mosto è rimasto a contatto con le bucce per circa 6 ore ad una temperatura di 10 º C. Il mosto così ottenuto è stato aggiunto a quello ricavato dalla pressatura diretta delle uve ed introdotto in serbatoi di acciaio inox, dove ha avuto luogo la fermentazione alcolica ad una temperatura controllata non eccedente i 16 º C. Dopo i primi travasi, il vino è rimasto per alcuni mesi sulle bucce al fine di poter apportare struttura, eleganza e mineralità fino al momento dell'assemblaggio e dell'imbottigliamento.
Vedi altri
,