Tendenze:

Monferrato

Vignaquaranti Livè Nascetta Monferrato Bianco 2018

75cl Volume

11,80€ (Prezzo approssimativo)

Scheda tecnica

Tipo Di Vino: Vino bianco
Vintage: 2018 Altre annate
Denominazione:Monferrato (Piemonte, Italia)
Cantina: Vignaquaranti
Volume: 75cl
Allergeni: Contiene solfiti
Vignaquaranti è il produttore di questo Vignaquaranti Livè Nascetta Monferrato Bianco 2018 , un vino bianco de la DO Monferrato la cui vinificazione è a base di uve di 2018. Un vino bianco valutato con 4 punti su 5 secondo gli utenti di Drinks&Co.

Elaborazione di Vignaquaranti Livè Nascetta Monferrato Bianco 2018

Vignaquaranti Livè Nascetta Monferrato Bianco 2018

Produttore: Vignaquaranti

D.O.: Monferrato

Vedi altro

Opinioni su Vignaquaranti Livè Nascetta Monferrato Bianco 2018

4

1 opinioni dei clienti
  • 5
    0
  • 4
    1
  • 3
    0
  • 2
    0
  • 1
    0
La tua valutazione di Vignaquaranti Livè Nascetta Monferrato Bianco 2018:Dai una valutazione a Vignaquaranti Livè Nascetta Monferrato Bianco 2018:

4 /5

Le caratteristiche tecniche per Livè Nascetta Monferrato Bianco DOC Vignaquaranti sono:
Produttore: Vignaquaranti
Tipo: vino bianco fermo
Classificazione: Monferrato Bianco DOC
Regione: Piemonte
Zona di produzione: Monferrato
Gradazione alcolica: 13,5 % vol.
Uve: Nascetta 100%
Contenuto: 75,0 cl
Acidità Totale: 5,40 gr/lit
Resa per ettaro: 6.000 chilogrammi /3.900 litri.
Vendemmia: dalla prima alla seconda decade di settembre
Vinificazione: Si ottiene dalla vinificazione di uve Nascetta raccolte a pieno punto di maturazione tra la prima e la seconda decade di settembre. La raccolta delle uve avviene nelle prime ore della giornata tassativamente in piccole cassette con selezione delle uve, per preservare al meglio l'integrità del raccolto prima dell'arrivo in cantina. All'arrivo in cantina, le uve sono destinate ad una pressatura soffice con estrazione unicamente del mosto fiore. Segue una chiarifica statica a freddo con l'individuazione del punto ideale di torbidità e successiva sfecciatura. La fermentazione avviene a temperature controllate comprese tra i 18 ed i 20 ºC, esaurendosi in 15-20 giorni.
Dopo la fermentazione il vino viene travasato ripetutamente al fine di preservare il corretto bilancio ossido-riduttivo, avendo cura di preservare le fecce fini, sulle quali il vino viene mantenuto per 4-6 mesi, effettuando regolarmene operazioni di batonnages per favorire lo scambio tra il vino e le stesse fecce nobili. Il vino viene così preparato per le operazioni di imbottigliamento che avvengono generalmente ad inizio primavera. Dopo la messa in bottiglia le cataste vengono lasciate a riposo per alcuni mesi per completare l'affinamento in vetro. In particolare la Nascetta ha una grande predisposizione all'evoluzione, tanto che raggiunge il suo apice qualitativo negli anni successivi all'imbottigliamento.

Anche questo Livè Nascetta Monferrato Bianco DOC Vignaquaranti fa parte di quei vini DOC nati da vitigni autoctoni estremamente rigogliosi e molto comuni un tempo, per poi essere accantonati per produzioni più massive e che ora sono rivalutati grazie a produttore come cantina Vignaquaranti. In particolare le uve Nascetta, vitigno semi-aromatico, che anticamente si chiamava "Anascetta", è stata ristudiata negli anni Duemila e coltivata tra Cuneo ed Asti. Più tardi, ovviamente, anche dai Vignaquaranti: qui, una cantina recente e giovane, vige un rispetto totale per il territorio e una conoscenza profonda della viticultura, e lo dimostrano con i vini che li rappresenta. Questo Livè Nascetta DOC ad esempio, un vino bianco fermo di grande carattere e dalla buona e piacevole persistenza minerale, grazie al terreno franco-sabbioso e calcareo: presenta un bouquet aromatico molto interessante, che regala all'olfatto note di fiori di acacia, di idrocarburi e frutta matura esotica. All'assaggio è fresco e di facile beva, un calice d'aperitivo o per un caloroso momento conviviale anche in purezza; tuttavia, il Livè Vignaquaranti è la scelta giusta per arricchire aperitivi e tavolate per pranzi e cene sia formali che informali: formaggi freschi o semi stagionati, pesce al forno o alla griglia, piatti ben conditi anche con spezie, lievitati. Si serve piuttosto fresco, alla temperatura di 12 ºC e in calice di apertura media per favorire la percezione di aromi. La versatilità di questo vino bianco piemontese è dovuta alle incredibili proprietà naturali del vitigno, ma è grazie al metodo di produzione che viene esaltato: una vendemmia manuale, una pressatura soffice con estrazione del mosto fiore, una fermentazione meticolosa che porta al bilanciamento ossido-riduttivo e alla conservazione delle fecce nobili. Anche dopo l'affinamento, che prevede l'imbottigliamento a inizio primavera per un riposo di diversi mesi, il Nascetta mostra una grande capacità di invecchiamento e di conseguenza una sfaccettatura aromatica che non passa inosservata.
Vedi altri
,