Il nome Francisco Espinheira è strettamente legato alla Ginja (ciliegia), o Ginjinha, il tipico liquore portoghese dolce e speziato, a base di succose amarene portoghesi, brandy, acqua, zucchero e cannella. Francisco Espinheira & Ca. Lda. è storicamente il primo degli stabilimenti di Lisbona specializzati nella produzione di questo liquore.

Storia

Ginjinha Espinheira fu fondata nel 1840 proprio dal monaco galiziano Francisco Espinheira, in Largo de São Domingos. La storia di questo liquore risale a tempi antichi. La tesi più accreditata è che abbia avuto origine proprio da una ricetta di monaci creata per pratiche medicinali, come era uso all'epoca. Avrebbe dovuto, teoricamente, essere la panacea per una serie di malanni, invece è diventato il miglior liquore della città. Anche se inizialmente era bevuta solo dalle classi sociali più ricche, più tardi, il suo consumo fu democratizzato e reso popolare tra poeti, marinai e fadisti, questi ultimi, che rappresentano il canto popolare portoghese, hanno origine dalle zone urbane dedite alla malavita.

Produzione

Il processo di produzione consisterebbe nell'infusione della frutta nel brandy. Il monaco galiziano, infatti, sperimentò l'infusione delle amarene (ginja) in acquavite (aguardiente), con l'aggiunta di zucchero, acqua e cannella, in vari dosaggi. All’interno della bottiglia di Gingjinha Espinheira è presente uno strato di amarene, per mantenere la tradizione di come può essere consumato questo caratteristico liquore. Il detto popolare portoghese è “com ela ou sem ela”, (con lei o senza lei), intendendo l’amarena nella coppa. Dovrebbe essere bevuto in un unico sorso, servito in piccoli bicchieri chiamati “colpo”. Una variante alla degustazione, è quella di servirlo in coppe edibili di cioccolato fondente per ammorbidirne il gusto. Il gusto è unico e inconfondibile, con il sapore di ciliegia dominante.

Curiosità

In tutti i bar del Portogallo, e soprattutto a Lisbona, è possibile trovare il Ginja. E’ un’esperienza tipica, grazie alla quale si assapora la Lisbona più autentica e più vera: entrare nelle storiche botteghe dove si vende solo ginjinha e dove da generazioni si serve in piccoli cicchetti, spesso in cioccolato fondente, agli avventori locali e ai turisti da tutto il mondo. La Gingjinha Espinheira, lo storicissimo locale che diede origine all'etichetta, è un piccolo baretto di soli tre metri quadrati, con decorazioni d’antan, che serve solamente Ginja. Aperto sulla piazzetta, gode di un’atmosfera particolare sia d’inverno, grazie all’aria fumosa dei venditori di caldarroste, sia in primavera, per la cascata viola dei fiori di Jacaranda del Rossio, il nostro glicine.

Più venduti - Comprare Prodotti di Francisco Espinheira consigliato

Filtri

Categoria

Paese

Negozi