Tipi di botti per il vino

La botte in cui invecchia il vino rappresenta una parte estremamente importante del processo di vinificazione. È, infatti, il contenitore dove il vino riposa prima di essere messo in bottiglia. Non tutte le botti, però, sono uguali!

I diversi tipi di botte per l'invecchiamento del vino - Drinks&Co

La botte è anche conosciuta come “barile“, “caratello” e “tino“. In realtà, questi termini non sono propriamente sinonimi, visto che ci sono delle differenze tra di loro. Cominciamo col dire che una botte è sempre fatta esclusivamente di legno e che la sua funzione principale, oltre ad essere la penultima dimora del vino, è quella di ossigenare la bevanda lentamente fino al punto ottimale per l’imbottigliamento.

Le botti di solito hanno una capacità di circa 220 litri, e la dimensione è di circa un metro di altezza per 60 cm di larghezza. Un altro dettaglio delle botti è che hanno sempre una o due cerchi metallici (bottame) che tengono insieme le doghe di legno che le costituiscono. Alcune di esse hanno anche il rubinetto, mentre quelle più rustiche presentano solo un foro nella parte centrale della botte.

La vita di un barile, di solito, si aggira sui 40 anni.

I diversi tipi di botte per l'invecchiamento dei vini - Drinks&Co

Formati e tipi di barili

Le botti ed i barili hanno svariate forme e capacità. La più utilizzata nella produzione del vino è la “barrique bordolese“, dal nome della città francese di Bordeaux, famosa appunto per la produzione di questo tipo di botte. Tali barili, solitamente, sono fatti di quercia americana e francese, ma non si disdegnano nemmeno quelli realizzati in rovere rumeno, ucraino, spagnolo e portoghese. La barrique bordolese può avere diverse capacità di: 190 litri (50 kg), 225 litri (da 50 a 58 kg), 250 litri (52 kg), 300 litri (60 kg), 400 litri (80 kg), 500 litri (95 kg) e 650 litri (105 kg). Dobbiamo sottolineare che la botte più utilizzata è quella da 225 o 228 litri, con un peso di 48 kg.

La botte è molto simile al barile, ma tende ad essere più grande e ad avere più strisce di metallo. Esistono botti con una capacità persino di 1500 litri, ma ce ne sono anche da 250 litri, che è poi la capacità più utilizzata.

I barili ovali sono di piccole dimensioni e di poca capacità; sono utilizzati per servire vino che non ha bisogno di essere imbottigliato e si ritrovano normalmente in taverne o abitazioni private, con o senza appoggio. La loro capacità può variare da 1 a 16 litri. Sono esteticamente molto belli e con molti più particolari rispetto alle botti più grandi, tanto da essere verniciati e tenuti come elementi ornamentali.

Le botti per l'invecchiamento del vino - Drinks&Co

I tini sono i contenitori più grandi. In genere il tino non ha una forma ovale, ma ha un lato più largo dell’altro (a forma tronco-conica) che serve da base. Vengono utilizzati per contenere grandi quantità di vino, anche se l’uso più comune è proprio per la fermentazione del mosto d’uva. I tini possono avere una capacità che varia dai 1.000 fino ai 50.000 litri.

Le botti danno al vino sapori e profumi molto caratteristici e complessi, come sfumature di legno, cuoio, tabacco, tostato e fumè. E danno anche una maggiore quantità di tannini perché, oltre a quelli contenuti nel vino, si aggiungono quelli provenienti dal legno della botte.

Lascia un commento Tipi di botti per il vino