Tag: bottiglie di vino

Cosa decide il prezzo di un vino?

Perché, se vado al discount, posso trovare una bottiglia di vino a 2€ e per altre, invece, dovrei aprire un mutuo? Alla fine, tutto proviene dalla stessa materia prima: l’uva, diffusa in tutto il mondo in grandi quantità! Quanti di noi hanno avuto il piacere (o il dispiacere) di assaggiare il vino fatto dal proprio nonno in campagna? Quello, forse, non ne valeva neanche 2€, eppure era bio e a km zero!

Cosa incide sul prezzo del vino? - Uvinum

In realtà, se ci riflettiamo, sono molti i fattori che incidono sul prezzo finale di un vino.

La vigna

Mantenere una vigna costa. Molto. Oltre all’investimento iniziale per comprarla, anche il mantenimento comporta alla cantina costi elevati. Si pensi ai macchinari, agli strumenti e ai prodotti necessari alla cura del vigneto. 

Inoltre, in vigna lavorano un sacco di persone… che bisogna pagare, naturalmente! Contadini, agronomi e viticoltori sono solo alcune delle figure che prendono parte alla fase iniziale di produzione del vino!

Quantità di produzione

Come dicevamo poco fa, tutto inizia con l’uva e con la vendemmia. La raccolta, ovviamente, porta dei costi fissi alla cantina (manodopera, macchinari, ecc.), che oltretutto non sono direttamente proporzionali alla quantità di frutta utilizzabile e di bottiglie prodotte.

In un anno in cui la raccolta risulta scarsa, quindi, i costi si fanno sentire maggiormente e vanno ammortizzati aumentando il prezzo del prodotto finale. Se un’annata risulta abbondante, invece, il numero di bottiglie prodotte sarà maggiore e non sarà necessario aumentarne il prezzo.

Tecniche di vinificazione e invecchiamento

La vinificazione, sembra banale spiegarlo, è quel processo attraverso il quale dall’uva si produce il vino. Il processo è lo stesso, ma le tecniche sono diverse! Alcune cantine, infatti, puntano alla quantità, mentre altre alla qualità dei loro prodotti: è la stessa differenza che si ha tra un prodotto “industriale” e uno “artigianale”. E un artigiano si paga di più!

Consideriamo, poi, il tempo. Un vino che ha affrontato un lungo periodo di maturazione, generalmente, costa di più e non solo perché non è stato possibile venderlo immediatamente per ricavarne un guadagno: far maturare un vino significa comprare materiali in cui farlo riposare e occupare spazio in cantina. Con il passare del tempo, e con sempre più (costose) botti da riporre in magazzino, la cantina, a un certo punto, è costretta ad allargarsi!

Il prezzo di una bottiglia di vino - Uvinum

Zona di produzione e cantina

Ogni zona di produzione ha le sue caratteristiche specifiche, ma alcune sono oggettivamente migliori di altre. Ci sono regioni vinicole storiche che ogni anno – grazie a particolarità nella composizione del terreno, a un microclima unico al mondo o a un vitigno autoctono rarissimo – sfornano vini di qualità eccelsa. In queste zone, il vino viene spesso elaborato secondo tecniche e tradizioni antiche, che i vignaioli si tramandano di generazione in generazione!

Per garantire la qualità dei loro prodotti, queste zone geografiche (indicate dalle sigle DOC, DOCG, IGT, IGP) sono protette da rigidi disciplinari, ideati appositamente per regolare il processo di produzione e le quantità di vino che è concesso produrre. Sono, ovviamente, delle restrizioni che mirano a difendere la qualità del prodotto e il territorio, ma che rendono il lavoro degli agricoltori e degli enologi più difficile e controllato.

Altro punto fondamentale: la cantina. Una cantina che ha saputo durare nel tempo, costruirsi una reputazione e farsi amare dai grandi critici del vino merita di essere ricompensata. È proprio come comprare una borsa di una grande firma!

La bottiglia

Bottiglia, tappo ed etichetta non sono certo regalati! Gli enologi sanno che la qualità di una buona confezione può incidere notevolmente anche sulla qualità del vino. Non vale la pena rischiare di mandare in malora anni e anni di attesa per risparmiare proprio sulla bottiglia!

Non dimentichiamoci, poi, del marketing! Una bella etichetta, magari decorata da qualche artista o firmata da qualche VIP, fa vendere di più… ma prima si deve investire! A tutto ciò, aggiungiamo anche i costi per tutti gli intermediari (grossisti, distributori, rappresentanti, negozianti, ecc.).

Anche se l’equivalenza “prezzo alto = qualità” è quasi sempre la più veritiera, esistono sul mercato dei vini buoni venduti a prezzi più accessibili. In base a tutti i fattori elencati, risulta evidente che le variabili sono molte. Quando si compra una bottiglia costosa, il consiglio è quello di informarsi prima di procedere all’acquisto, visitando i siti internet di critici e guide e comparando bene i prezzi di ogni negozio.

 

 TAGS:Tenuta Guado al Tasso Antinori Il Bruciato 2016

Tenuta Guado al Tasso Antinori Il Bruciato 2016

Il Bruciato è elaborato con uve Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah provenienti dai vigneti della Tenuta Guado al Tasso di proprietà della famiglia Antinori. È un vino intenso, dalle note fruttate e speziate, che in bocca si rivela strutturato e persistente.

 TAGS:Notte Rossa Negroamaro Rosato Salento 2018

Notte Rossa Negroamaro Rosato Salento 2018

Questo Negroamaro Rosato di Notte Rossa ci arriva da cuore del Salento. Le uve 100% Negramaro provengono da vigneti situati a un’altitudine di 100m sul livello del mare.  In bocca si rivela di buon corpo, fresco ed equilibrato.

L’importanza della bottiglia nel vino

 TAGS:Si parla molto della presentazione del vino, del tappo e dell’etichetta, ma a volte ci dimentichiamo della bottiglia, l’accessorio perfetto per una conservazione ottimale del vino e che fa da rifugio ideale nel preservare la qualità che ci si aspetta dal vino stesso. Facciamo quindi un tour nel mondo delle bottiglie di vino.

Le dimensioni delle bottiglie di vino

Siamo abituati alle cosiddette bottiglie “standard“, che contengono 750 ml, oppure ad altre più grandi come le “damigiane” che possono essere di varie dimensioni o, infine, alle più piccole come quelle che si danno sugli aerei. Ma la gamma di bottiglie è davvero ampia; qui vi presentiamo le dimensioni principali:

Bottiglia Piccola o Benjamin: 187-200 ml (È utilizzata per lo champagne o per lo spumante).

Bottiglia Split: 187 ml (Viene spesso utilizzata in campioni gratuiti o da regalo).

Bottiglia Media: 375 ml (Nonostante il nome, è una bottiglia intera).

Bottiglia Standard: 750 ml (La più comune di tutti).

Bottiglia Magnum: 1,5 L.

Bottiglia Damigiana: da 2 fino a 40 L (Le più piccole sono solitamente rivestite divimini).

Bottiglia Double Magnum: 3 L.

Bottiglia Jéroboam: 3 L (Utilizzata anche per lo champagne o per lo spumante).

Bottiglia Réhoboam: 4,5 L (Usata anche per champagne e spumante).

Bottiglia Box: 5 L.

Bottiglia Imperial: 6 L.

Bottiglia Mathusalem: 6 L (Usata unicamente per champagne e spumante).

Bottiglia Salmanazar: 9 L.

Bottiglia Balthazar: 12 L.

Bottiglia Nabucodonosor: 15 L.

Bottiglia Melchior o Salomon: 18 L (Usata unicamente per champagne e spumante).

Bottiglia Sovereign: 25 L (Usata unicamente per champagne e spumante).

Bottiglia Primato: 27 L (Usata unicamente per champagne e spumante).

Bottiglia di Melchisedec: 30 L (Usata unicamente per champagne e spumante).

I colori delle bottiglie di vino

In principio il colore della bottiglia era pensato per proteggerla dal sole visto che, anticamente, la sua esposizione era molto piùcostante; oggigiorno, invece, il colore è più una questione di design, di marca e di presentazione del vino. I colori più utilizzati continuano ad essere il verde, in tutte le sue tonalità, l’ambra e il giallo, senza escludere l’utilizzo del vetro trasparente.

Le forme delle bottiglie di vino

Un pò come accade con il colore, anche in questo campo il design la fa da padrone, mostrando bottiglie di forme diverse, che vanno dal classico ai modelli più innovativi per attrarre l’occhio del consumatore. Tra i modelli classici possiamo nominare la bottiglia del tipo Bordeaux, la bottiglia del tipo Borgogna e la classica bottiglia di vino.

L’importanza della bottiglia di vino

 TAGS:Si parla molto della presentazione del vino, del tappo e dell?etichetta, però a volte ci dimentichiamo della bottiglia, quest?anticamera del vino che è un complice perfetto per un?ottima conservazione e fa da rifugio ideale per protrarre la qualità che ci si aspetta da un buon vino. Facciamo una carrellata di bottiglie di vini in giro per il mondo.

Le dimensioni delle bottiglie di vino

Siamo abituati alle bottiglie cosidette ?standard?, che contengono 750 ml, o ad altre più grandi come le ?damigiane? di varie dimensioni ed altre ancora piccole come quelle offerteci in aereo. Ma la gamma è molto più ampia; e qui vi presentiamo le differenti dimensioni:

  • Bottiglia Piccola o Benjamin: da 187 a 200 ml (Bottiglia volta a contenere champagne e spumanti)
  • Bottiglia Split: 187 ml. (Bottiglia utilizzata solitamente in mostre gratuite o da regalo)
  • Bottiglia Media: 375 ml. (Nonostante il nome, è una bottiglia intera)
  • Bottiglia Standard: 750 ml (La più comune di tutte)
  • Bottiglia Magnum: 1.5 L
  • Bottiglia Damigiana: da 2 L a 40 L (Le piccole sono di solito rivestite in vimini)
  • Bottiglia Double Magnum: 3 L.
  • Bottiglia Jeroboam: 3 L (Utilizzata anche per champagne e spumanti)
  • Bottiglia Rehoboam: 4.5 L (Utilizzata anche per champagne e spumanti)
  • Bottiglia Box: 5 L
  • Bottiglia Imperial: 6 L
  • Bottiglia Mathusalem: 6 L (Impiegata unicamente per champagne e spumanti)
  • Bottiglia Salmanazar: 9 L
  • Bottiglia Balthazar: 12 L
  • Bottiglia Nabucodonosor: 15 L
  • Bottiglia Melchior o Salomon: 18 L (Impiegata unicamente per champagne e spumanti)
  • Bottiglia Sovereign: 25 L (Impiegata unicamente per champagne e spumanti)
  • Bottiglia Primato: 27 L (Impiegata unicamente per champagne e spumanti)
  • Botella Melchisedec: 30 L (Impiegata unicamente per champagne e spumanti)

I colori delle bottiglie di vino

In principio il colore fungeva da protezione per il sole in quanto anticamente la sua esposizione era più costante mentre oggigiorno il colore ha a che vedere più con il design, la marca e la presentazione del vino stesso. I colori più utilizzati continuano ad essere il verde in tutte le sue varietá e tonalità, l?ambra ed il giallo, senza escludere il cristallo trasparente.

Le forme delle bottiglie di vino

Così come accade con il colore, anche qui entra in gioco il design ad offrirci bottiglie di diverse forme che vanno dalle più classiche sino ai modelli più originali fatti per catturare lo sguardo del consumatore. Tra i modelli più classici ricordiamo la Bordolese (Bordeaux), la Borgognotta o Borgognona e la classica bottiglia di vino.