Le botaniche del gin

Di Raúl Pérez
Scopri quali sono le botaniche del gin più comuni - Drinks&Co

Scopri quali sono le botaniche del gin più comuni - Drinks&Co

Il gin è, sostanzialmente, uno spirito neutro aromatizzato con ginepro e diversi altri ingredienti come radici, frutta, erbe, semi e bacche, i quali prendono il nome di botaniche. In questa breve guida, esploreremo le botaniche più comunemente usate e le loro proprietà.

Il gin ha un numero sorprendente di ingredienti

Nel corso dei secoli, i distillatori hanno incorporato e mescolato tutti i tipi di elementi vegetali e spezie nelle loro ricette, che solitamente rimanevano – e rimangono tutt’oggi – top secret. Il numero e/o la qualità delle sostanze botaniche coinvolte nella produzione di ogni gin, infatti, è ciò che rende ogni gin unico. Le formule più tradizionali comprendono 5 o 6 ingredienti, ma ci sono gin con ricette ben più complesse con 10, 20 o, nel caso di Monkey 47, fino a 47 elementi botanici! 

Le botaniche sono gli ingredienti che danno sapore al gin. Ecco le più comuni. - Drinks&Co

Le 11 botaniche più usate nella produzione di gin

1. Bacche di ginepro

Tutti i gin devono essere fatti con bacche di ginepro per essere classificati come gin. Queste piccole bacche blu hanno proprietà digestive e sono responsabili dell’amarezza del gin.

2. Coriandolo (o semi di coriandolo)

Sia in forma di pianta che di seme, il coriandolo è molto usato in gastronomia. Quando viene aggiunto al gin come botanica conferisce dolcezza, acidità e amarezza.

3. Radice di angelica

La radice di angelica è uno degli ingredienti essenziali nella preparazione del gin fin da quando ne è stata inventata la ricetta. Insieme al coriandolo e alle bacche di ginepro, infatti, forma quella che è conosciuta come la “Santa Trinità” delle botaniche del gin.

Scopri quali sono le 11 botaniche più comuni del gin - Drinks&Co

4. Lavanda

La lavanda è la pianta aromatica per eccellenza grazie al suo aroma delicato, erbaceo, fruttato e dolce. È molto apprezzata per le sue proprietà lenitive, digestive, dermatologiche, antisettiche e antireumatiche.

5. Agrumi

Frutti come l’arancia e il limone sono comunemente usati nella produzione del gin per aggiungere acidità. Normalmente, ne viene usata la scorza.

6. Cardamomo

Originario dell’India, i baccelli e i semi del cardamomo vengono usati in una moltitudine di gin. Distillato insieme al ginepro, dà al gin una vasta gamma di aromi e sapori. 

7. Pepe

Il pepe – sia esso verde, nero, bianco o rosa – è usato per conferire note speziate uniche al gin.

8. Cannella

La cannella viene estratta dall’interno della corteccia dell’albero di cannella. Presenta note dolci, terrose, leggermente piccanti e molto aromatiche. Si dice anche che abbia proprietà afrodisiache.

Scopri di più sul gin: le botaniche più usate - Drinks&Co

9. Radice di iris

Negli ultimi anni, i produttori di gin hanno cominciato a usare la radice di iris per la sua potenza e la sua versatilità, che le permette di essere combinata con una vasta gamma di altre botaniche. La radice di iris esalta le altre sostanze botaniche nella ricetta e dà loro armonia fornendo aromi erbacei e floreali.

10. Rosmarino

Il rosmarino è una botanica relativamente recente. Questo arbusto mediterraneo presenta note amare e tocchi più acidi, e viene generalmente usato nei gin mediterranei. Molto aromatico, il suo odore e sapore sono inconfondibili.

11. Noce moscata

Con il suo sapore forte, la noce moscata apporta note speziate di grande finezza. Si combina particolarmente bene con i chiodi di garofano e la cannella. Va, però, usata con cautela, in quanto il suo sapore potrebbe sovrastare le altre sfumature del gin.

***

Questa è solo una selezione introduttiva, e per nulla esaustiva, delle più importanti e comuni botaniche del gin. Zafferano, petali di fiori, chiodi di garofano, basilico, timo, liquirizia, foglia d’oliva, noce verde, cetriolo e fiore d’ibisco sono solo alcune delle altre botaniche che vale la pena investigare e provare. Su Drinks&Co, troverete una vasta varietà di gin tra i quali scegliere il tuo preferito!

Tradotto dall’articolo originale Los botánicos de la ginebra. Los más importantes y por qué se utilizan.

Ti potrebbe interessare...

Lascia un commento