Conoscere il whisky canadese

Di Miriam Reis
Conosci il whisky canadese? Oggi te ne parlamiamo un po'! - Drinks&Co

Conosci il whisky canadese? Oggi te ne parlamiamo un po'! - Drinks&Co

Di solito, quando si pensa al whisky, si pensa subito a Scozia, Irlanda e Stati Uniti. Anche il Canada, però, vanta una lunga e impressionante tradizione nel distillare il grano e trasformarlo in “acqua della vita”*. Ecco perché, oggi, ti faremo conoscere un po’ meglio il mondo dei whisky canadesi.

*La parola “whisky” deriva dal gaelico “Uisge Beatha” e significa “acqua della vita”.

Canada: un paese di estremi

Dieci province, tre territori, sei fusi orari e un clima che spazia da quello subtropicale a quello artico: il Canada è un paese di estremi. È il secondo paese più grande e più settentrionale della Terra e occupa circa la metà del territorio del Nord America. Con soli quattro abitanti per chilometro quadrato, è uno dei paesi con la più bassa densità di popolazione al mondo. Per quanto riguarda la cucina, il Canada è conosciuto soprattutto per la carne di manzo di alta qualità, i mirtilli rossi e lo sciroppo d’acero. E in ogni bar, dalla British Columbia alla Nuova Scozia, non può mancare un altro prodotto tipico: il whisky canadese.

Il whisky canadese

Nelle province di Alberta, Saskatchewan, Manitoba e Ontario si coltivano semi e cereali su larga scala. Orzo, grano, segale e mais sono gli ingredienti alla base della produzione del whisky canadese. Sebbene il Canada possa vantare una tradizione di oltre 200 anni, il whisky canadese è molto meno conosciuto rispetto agli omonimi distillati scozzesi e irlandesi. Tuttavia, negli ultimi anni ha vissuto una sorta di rinascita, e non senza una buona ragione!

Legislazione

Poiché le leggi che regolano la produzione e l’etichettatura del whisky canadese sono poche, i cereali utilizzati per la distillazione possono variare. Tradizionalmente, la segale è la più utilizzata per la produzione di whisky in Canada. Anche il mais, però, sta diventando sempre più importante come ingrediente di partenza, in quanto conferisce al whisky un sapore dolce e una consistenza setosa. Inoltre, i whisky canadesi possono contenere anche aggiunte di vino di frutta, succhi di frutta o sherry, purché non superino il 2% del volume totale.

Il whisky canadese, come quello scozzese e quello irlandese, dev’essere prodotto e distillato nel proprio paese d’origine. Deve poi invecchiare in botti di legno per almeno tre anni. Queste botti possono essere nuove, usate, tostate o non tostate, ma non devono superare la capacità di 700 litri.

Il contenuto alcolico del distillato può talvolta superare il 90% vol., motivo per il quale viene miscelato con acqua fino a raggiungere il 40% vol. Tuttavia, questo processo può compromettere alcuni dei colori e degli aromi naturali del cereale. Per rimediare, in alcuni casi si utilizzano caramello e aromi artificiali per compensare la perdita di colore e sapore. Tutto ciò è consentito dalla legge, ma deve essere indicato sull’etichetta della bottiglia.

Single Malt, Blended e Rye Whisky

Un indizio su cosa aspettarsi dal whisky che stiamo per degustare è fornito dalle denominazioni sull’etichetta del whisky.

Single Malt Whisky

Prodotto da orzo maltato in un’unica distilleria, di solito da piccoli produttori artigianali chiamati Craft Distilleries.

Blended Whisky

Miscela di un’acquavite di base triplamente distillata a base di cereali e di un’acquavite di segale o di mais per conferire aroma. Gran parte dei whisky canadesi sono Blended.

Rye Whisky

Prodotto con segale al 100%, è il fiore all’occhiello della tradizione del whisky canadese.

Abbinamenti gastronomici

I single malt e i blended whisky canadesi deliziano il palato con la loro morbidezza e delicata complessità. Si gustano al meglio lisci, con ghiaccio o con qualche goccia d’acqua. I whisky prodotti con segale al 100%, invece, offrono un’esperienza di consumo piccante e pepata, motivo per cui si abbinano particolarmente bene a piatti più saporiti.

Un whisky a basso contenuto di segale si sposa bene con:

  • Snack e/o antipasti come frutti di mare freschi, ostriche, cracker al formaggio e patatine salate.
  • Secondi piatti come carne magra alla griglia, quiche ai porri, foie gras e sushi.
  • Dolci come il cioccolato fondente e le noci pecan candite.

Un whisky con un alto contenuto di segale si sposa bene con:

  • Snack e/o antipasti come formaggi erborinati, caprini o piccanti, anelli di cipolla fritti, cocktail di gamberi o arachidi salate.
  • Secondi piatti come le costine in salsa BBQ, il polpettone, il salmone affumicato o la cucina cajun.
  • Dessert come la mousse al cioccolato.

***

Tradotto dall’articolo originale Das Einmaleins des kanadischen Whiskys.

Ti potrebbe interessare...

Lascia un commento