Buckingham Palace: il gin della Regina Elisabetta

Di Karin Mosca
La Regina Elisabetta lancia il suo gin: si chiama Buckingham Palace Gin - Drinks&Co

La crisi COVID-19 ha toccato davvero tutti, anche la famiglia reale inglese. E per risollevare le casse di Buckingham Palace, la Regina Elisabetta ha lanciato il proprio gin.

La crisi Covid-19 vs. la monarchia inglese

A causa della crisi per il Covid-19, gli introiti registrati dalle casse reali nel 2020 risultano drasticamente bassi rispetto agli anni passati. Buckingham Palace e tutte le altre residenze reali, infatti, sono normalmente assalite dai turisti che, oltre a pagare l’entrata, fanno incetta di souvenir e di merchandising ufficiale. Risulta ovvio, dunque, che una potente operazione di marketing era necessaria per cercare di stabilizzare la situazione economica.

Un gin regale

La passione di Lilibeth per il gin è ormai cosa nota. Si dice, infatti, che abbia ereditato dalla Regina Madre l’abitudine a sorseggiare, ogni mezzogiorno, il solito cocktail: il Dubonnet, preparato con tre parti dell’omonimo liquore francese, sette parti di gin e una spruzzata di lime. Sembra anche che la regina usi il distillato per lucidare i suoi diamanti. Da questo luglio, però, Elisabetta potrà prepararsi il suo aperitivo – o pulire i suoi gioielli – con il proprio gin!

Il nome ufficiale è Buckingham Palace Gin e si tratta di uno Small Batch Dry Gin, proprio come riporta l’etichetta. La particolarità di questo gin è che è elaborato con ingredienti colti a mano nel giardino di Buckingham Palace, un giardino di 16 ettari che ospita circa 30 diversi tipi di uccelli e 250 specie botaniche. Tra le 12 botaniche usate per aromatizzare il distillato reale, ritroviamo verbena odorosa, bacche di biancospino, foglie di alloro e foglie di gelso.

Sul sito della Royal Collection Trust – dove è in vendita per £40, anche se la consegna è disponibile solo nel Regno Unito – viene riferito che Buckingham Palace è “il gin perfetto per rinfrescarsi in estate”, soprattutto se mescolato con della tonica e una fetta di limone. Bella anche la bottiglia – celeste, con un’elegante corona dorata ornata di fiori – che saprà risplendere  nelle case di tutti i fan della Royal Family!

Che dire, God save the Queen… e anche il suo gin!

Mentre aspettiamo che Buckingham Palace Gin sia disponibile anche da noi, ecco qualche gin – meno Royal, ma comunque all’altezza – con cui preparare il nostro Gin Tonic:

 TAGS:Gin Nordés

Gin Nordés

Macerato e distillato lentamente secondo metodi tradizionali, il Gin Galiziano Atlantic Nordés è prodotto dalla distillazione di vino Albariño e da un’infusione di spezie tipiche della regione, come alloro, verbena odorosa, ginestra spinosa ed eucalipto.

 TAGS:Roku Gin

Roku Gin

Roku Gin prende il suo nome dalla parola giapponese per il numero sei, “Roku”. Sei come le botaniche utilizzate nella sua produzione – fiore di Sakura, buccia di yuzu, pepe di Sansho, foglia di Sakura, tè Sencha e tè Gyokuro – e come il numero di lati della bottiglia, dalla particolare forma esagonale.

 TAGS:Gin Wint & Lila

Gin Wint & Lila

Il Gin Wint & Lila è prodotto nella distilleria Casalbor di Puerto de Santa Maria, Cadice, distilleria che vanta una storia di oltre due secoli.

Ti potrebbe interessare...

Lascia un commento